Un ricordo di Peter Fonda

Sunset Boulevard

Pter Fonda (Wikipedia)

E’ morto ieri, venerdì 16 agosto, a Los Angeles, l’attore, nonché regista e produttore cinematografico, Peter Fonda (P. Seymour Fonda, New York, 1940), fra i più iconici rappresentanti della controcultura giovanile all’interno della cinematografia statunitense degli anni ’60; ha trasferito sul set, con una certa naturalezza recitativa, quell’indomita voglia di godere la vita in quanto tale, propria della generazione di appartenenza,  nella sua totalità, comprensiva di ogni tipo d’esperienza e di eccessi, portando avanti inoltre una ribellione al sistema, ora motivata dopo le timide avvisaglie del decennio precedente.
La formazione attoriale di Peter fu piuttosto precoce  e prese forma inizialmente in ambito teatrale: debuttò infatti tredicenne nella compagnia filodrammatica Wampus Players e dopo gli studi universitari di recitazione conseguì un certo successo a Broadway, nella stagione 1961-62, quando fu protagonista di Blood, sweet and Stanley Poole, per poi esordire sul grande schermo nel 1963 con The…

View original post 501 altre parole

Piero Tosi (1927-2019)

Sunset Boulevard

Piero Tosi (mubi)

Primo costumista della storia del cinema a ricevere, nel 2013, l’Oscar® alla carriera dalla Academy of Motion Pictures Arts and Sciences, Piero Tosi (Sesto Fiorentino, FI, 1927) ci ha lasciato oggi, sabato 10 agosto, a Roma. La sua attività, in teatro e al cinema, ha trovato la sua espressione più elevata nelle opere di Luchino Visconti, cui lo accomunava tanto la solida base culturale quanto la ricerca di una raffinatezza mai fine a se stessa, anzi del tutto funzionale all’esaltazione di ogni minimo dettaglio, inteso quest’ultimo ad assecondare un compiuto realismo; Tosi in particolare, come può leggersi in vari testi, va annoverato tra gli innovatori riguardo l’uso dei costumi, avallando l’idea che abito e personaggio dovessero essere strettamente correlati, con il primo a farsi rivelatore delle caratteristiche, fisiche ma non solo, proprie del secondo, giocando anche sulla scelta dei colori, sempre assecondando un innato gusto…

View original post 414 altre parole

Venezia 76 / Giornate degli Autori: il regista Karim Aïnouz presiederà la giuria 28 Times Cinema

Sunset Boulevard

Karim Aïnouz (Cinecittà News)

Sarà il regista brasiliano Karim Aïnouz, a presiedere la Giuria del progetto 28 Times Cinema, che assegnerà il GdA Director’s Award per il sesto anno consecutivo. Autore che ha familiarità con i più importanti festival europei, Aïnouz è reduce dal successo al 72mo Festival di Cannes del suo settimo lungometraggio A Vida Invisível de Eurídice Gusmão (The Invisible Life of Euridice Gusmao), vincitore del premio per il miglior film nella sezione Un Certain Regard. Regista con una formazione in architettura e in cinema tra il Brasile e New York, Aïnouz oggi vive e lavora a Berlino facendo da ponte tra l’ambiente culturale europeo e quello brasiliano: con questo spirito e con il suo curriculum fatto anche di serie televisive (Alice, tredici episodi per HBO America Latina), documentari, corti e installazioni artistiche esposte tra gli Stati Uniti e il Brasile,  capitanerà ventotto giovani cinefili…

View original post 161 altre parole

Venezia 76 / Giornate degli Autori 2019: a Marco Bellocchio il Premio SIAE

Sunset Boulevard

Marco Bellocchio

Andrà a Marco Bellocchio, che raccoglie il testimone di Mario Martone,  il Premio SIAE, assegnato ogni anno nel quadro delle Giornate degli Autori, sezione indipendente della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.
Il premio sarà consegnato lunedì 2 settembre, alle ore 17.30, alla Villa degli Autori, accompagnato dalla seguente motivazione: “Con questo riconoscimento la Società Italiana degli Autori ed Editori saluta, all’indomani dell’unanime consenso per il suo ultimo film Il Traditore, Marco Bellocchio, figura unica di regista, intellettuale e organizzatore culturale, uomo di cinema che ha sempre saputo connotare con una cifra originale e personale la sua arte. Il suo lavoro riflette un pensiero di respiro internazionale erede di una riflessione politica e storica che ha radici nella migliore cultura italiana. Ribelle lucido e osservatore critico, viaggiatore curioso e testimone del suo tempo, Marco Bellocchio sa coniugare l’analisi introspettiva di sé con…

View original post 203 altre parole

Magna Graecia Film Festival XVI Edizione: i vincitori

Sunset Boulevard

Si è conclusa domenica 4 agosto, con la consueta cerimonia di premiazione, al Porto Marinaro di Catanzaro, la sedicesima edizione del Magna Graecia Film Festival, kermesse cinematografica ideata e diretta da Gianvito Casadonte dedicata alle opere prime e seconde, intitolata quest’anno a Sergio Leone. La giuria, presieduta da Alessandro Genovesi e composta da Claudia Potenza, Chiara Francini, Dino Abbrescia, Dario Bandiera e Nicolas Vaporidis ha assegnato i seguenti premi:

Premio Miglior Opera Prima: In viaggio con Adele (Alessandro Capitani). “E’ stato forse il film che tutti noi, e con tutti intendo proprio tutti, quindi anche voi pubblico, abbiamo amato di più per la sua semplicità e la capacità di aver saputo raccontare una storia tragica in modo leggero, divertente, ma sempre coinvolgente. Diretto e recitato da chi ama il cinema e ha voglia di raccontare storie che sappiano emozionare, è con grande piacere che la giuria assegna…

View original post 426 altre parole

72mo Locarno Film Festival, in nome del cinema che va oltre le regole

Sunset Boulevard

Tutte le scelte di una prima edizione suonano come un manifesto. Mi auguro che sarà il mio caso e spero di presentarvi, per la mia prima edizione come direttrice artistica, una linea editoriale chiara e precisa e al tempo stesso eclettica, aperta a tutti i generi, a tutti i continenti, a tutte le rappresentazioni. Nella tradizione della storia del Festival, questa edizione si caratterizza per la questione dello spostamento. Immagine – tempo, immagine-movimento, secondo la celeberrima formula di Gilles Deleuze: il tempo e il movimento che da sempre caratterizzano il Festival sono lo spostamento rispetto alla norma, a tutte le norme. Il Locarno Film Festival é fuori norma. Con il suo schermo gigante di Piazza Grande e i suoi 8.000 spettatori, la libertà della sua programmazione, il mix di star, di grandi autori internazionali e dei più audaci giovani cineasti, il Locarno Film Festival contribuisce a ripensare ad ogni…

View original post 1.307 altre parole

Creato su WordPress.com.

Su ↑