39mo Torino Film Festival, le prime anticipazioni

Sunset Boulevard

Ildikó Enyedi (Wikipedia)

Ecco le prime anticipazioni diffuse riguardo al 39mo Torino Film Festival (26 novembre- 4 dicembre): la regista ungherese Ildikó Enyedi presiederà la Giuria Internazionale del Concorso Lungometraggi e Cortometraggi internazionali che assegnerà i premi principali della manifestazione. La sua grande esperienza, i numerosissimi riconoscimenti ricevuti nel corso della sua lunga carriera e la sua speciale sensibilità artistica la rendono particolarmente adatta a un lavoro prezioso di analisi delle opere dei nuovi talenti scelti dal festival. Ildikó Enyedi ha esordito come artista visuale e con il suo primo film, Il mio XX secolo (Az én XX. Századom, 1989), ha immediatamente conquistato un ruolo di grande rilievo internazionale vincendo il premio Camera D’Or al 42mo Festival di Cannes, riconoscimento di un cinema straordinario e unico, tale da attraversare con libertà e fantasia il confine tra realtà e pensiero, offrendo ritratti emozionanti di rara profondità…

View original post 386 altre parole

74mo Locarno Film Festival: apertura in Piazza Grande con “Beckett”, di Ferdinando Cito Filomarino

Sunset Boulevard

Mercoledì 4 agosto in Piazza Grande, iconica sala all’aperto, inaugurata proprio 50 anni fa, avrà luogo la cerimonia d’apertura del 74esimo Locarno Film Festival con la proiezione in prima mondiale dell’ultimo film del regista Ferdinando Cito Filomarino, Beckett, prodotto da Luca Guadagnino, thriller interpretato da John David Washington, Boyd Holbrook, Vicky Krieps ed Alicia Vikander. Si tratta di un gradito ritorno al Locarno Film Festival per il regista italiano, che nel 2010 aveva presentato nella sezione Pardi di domani il suo cortometraggio Diarchia.
Questa la sinossi del film: durante una vacanza in Grecia, il turista americano Beckett (John David Washington) diventa l’obiettivo di una caccia all’uomo dopo un incidente devastante. Costretto a fuggire per rimanere in vita, Beckett attraversa tutto il paese per raggiungere l’ambasciata statunitense e riabilitare il suo nome, in un crescendo di tensioni mentre le autorità si avvicinano, disordini politici e una pericolosa rete di cospirazioni…

View original post 111 altre parole

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: