Un ricordo di Renato Scarpa

Sunset Boulevard

Renato Scarpa (Huffington Post)

E’ morto ieri, giovedì 30 dicembre, a Roma, l’attore, teatrale, cinematografico e televisivo, Renato Scarpa (Milano, 1939). La sua estrema duttilità nel sapere adattare il proprio registro recitativo dal comico al drammatico, arricchito di volta in volta da sottili sfumature espressive volte ad una pregnante umanità, ha consentito di offrire una per certi versi inedita rilevanza alla figura che al cinema gli è sempre stata propria, ovvero quella del caratterista, non limitandola, come solitamente avviene, all’identificazione totale con il genere in cui un interprete si trovi frequentemente a recitare. Scarpa iniziò a calcare i palcoscenici teatrali quando era studente di Architettura a Milano, per poi frequentare nella Capitale il Centro Sperimentale di Cinematografia e debuttare sul grande schermo nel 1969, con Sotto il segno dello scorpione, di Vittorio e Paolo Taviani, che lo diressero anche in San Michele aveva un gallo (1973), mentre…

View original post 644 altre parole

Pappo e Bucco

Sunset Boulevard

Scritto e diretto da Antonio Losito, Pappo e Bucco, che dalla sua presentazione all’Italian Pavilion nell’ambito della 77ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ha fatto incetta di premi (ad esempio, fra i tanti, il Premio Diari di Cineclub al Lunigiana Film Festival o il PremioCittà del Cortometraggio al Social World Film Festival), si palesa alla visione come un cortometraggio di rara delicatezza e compostezza visiva, attraversato da un intenso e concreto tocco elegiaco, riuscendo a ritrarre, fra realismo ed umanità, una toccante storia d’amore che solo una società bigotta, propensa a gridare allo scandalo per qualsiasi evento che fuoriesca dalla tanto decantata “normalità” e quanto mai lontana dall’esternare concretamente l’evangelica misericordia, andrebbe a rivestire di una “eccezionalità” clamorosa.

Massimo Dapporto ed Augusto Zucchi

Non a caso, credo, il film si apre con l’arrivo di un prete, Don Saverio (Roberto D’Alessandro), in casa di due persone…

View original post 350 altre parole

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: